De Martino

Usa l'hashtag #APEWINEBOXES

Schede tecniche digitali via email

De Martino – Isla de Maipo - CILE Dal 1934 e da quattro generazioni, la famiglia De Martino si è specializzata nella produzione di vini espressione del terroir, di grande purezza ed equilibrio. L’azienda pratica un’agricoltura sostenibile, la vinificazione tradizionale con lieviti indigeni ottenendo così vini che rappresentano un fedele riflesso dei vigneti da cui provengono.
É luogo comune pensare al Cile come realtà recente nel panorama viticolo mondiale, mentre la vite, in Cile, si coltiva da secoli, da quando i conquistadores spagnoli, nel Cinquecento, portarono le prime viti dalla Spagna. Il vitigno usato allora era il “Pais” varieta’ poco interessante per vini di qualità attualmente ancora usata per vini base o per produrre il “Pisco”. Alcuni anni più tardi con l’introduzione di nuovi vitigni bordolesi come il Cabernet-Sauvignon, il Carmenere ed il Merlot, la qualità dei vini migliorò nettamente. Lo sviluppo qualitativo moderno iniziò nel 1980, grazie a nuovi massicci investimenti che migliorarono le tecnologie enologiche. Oggi si coltivano 130.000 ettari di vite.

Dal punto di vista geografico il Cile sembra un paradiso creato per la coltivazione della vite. Dalla capitale Santiago, per 100 km a Nord e 400 km a Sud si diramano vallate che, dalle Ande scendono verso il mare; Maipo, Rapel, Curicò, Maule, ciascuna con il proprio fiume, terreno, microclima. Anche il clima generale è ideale per la vite: le piogge cadono prevalentemente in inverno, mentre l’estate asciutta, non favorisce lo sviluppo di muffe e parassiti; le brezze andine e marine sanificano ulteriormente le uve. Protetto a nord dal deserto di Atacama, a est dalla catena andina e a sud dai ghiacciai antartici, il Cile è rimasto indenne alla fillossera che a fine Ottocento devastò i vigneti europei. Grazie a questo le viti cilene si sviluppano sulle proprie radici, garantendo un grande vantaggio qualitativo e di longevità rispetto a quelle innestate; ciò spiega il successo del Carmenere che arrivò in Cile nel 1800 prima che la fillossera lo distruggesse completamente a Bordeaux.
Oggi il Carmenere si può considerare il vero vitigno autoctono cileno. Si coltivano anche varietà a bacca bianca come lo Chardonnay ed il Sauvignon e nei distretti meridionali, più freddi, anche il Gewurztraminer ed il Riesling. La famiglia De Martino, di origini italiane, produce vino nella valle di Maipo dal 1934, da quando Pietro De Martino giunse da Genova con l’obiettivo preciso di fare il vino. L’azienda, ancora di proprietà familiare, possiede 300 ha vitati, tra cui i prestigiosi e peculiari vigneti sul fiume Maipo che, grazie al suo clima ventilato e al sottosuolo ghiaioso-alluvionale, rende i vini molto concentrati e di grande equilibrio.

Sempre animati da spirito pionieristico i giovani De Martino stanno seguendo da otto anni un progetto di zonazione dei “terroir” per acquisire vigne nei territori più vocati: Limari, Choapa, Casablanca, Colchagua e Maule. La “De Martino” possiede anche l’azienda “Santa Ines” sempre a Maipo, che vanta una lunga tradizione nella produzione di Carmenere. Nel 1996 la De Martino fu la prima azienda in Cile ad etichettare questo vino ora diventato portabandiera del Cile

MOSTRA FILTRI
it_ITItaliano
0
    0
    Your Cart
    Your cart is empty